Ad Three Slide Menu

sabato 7 aprile 2012

La bellezza dell'onestà

Marco Mengoni - ph_Silvia Donati







Ma insomma,
chi è Marco Mengoni?

Ogni volta che leggiamo
qualche sua dichiarazione,
ecco che ci sembra

di conoscerne uno nuovo...









Abbiamo incontrato il Marco un po' troppo timido dei primi giorni, poi quello un po' troppo egocentrico (ma lui fa musica, e ci sta) del primo anno, poi quello un po' disperso del secondo...

Ogni volta che riusciamo a leggere qualcosa di vero detto da lui ci si scompagina il romanzo che avevamo messo insieme fino a quell'istante. Metteteci poi che tutte le volte che sale su un palco appare esattamente l'opposto di quello che ci è dato applaudire durante le sue apparizioni televisive, quando di lui concede ben poco... Su un palco – ormai lo sanno pure i sassi – lui è sempre “Re”: un passo ed è il Dominus indiscusso. Emette una nota, ed è sufficiente a lasciare tutti senza fiato. Per dote tecnica? Sì, certo, ma non solo. È la qualità dell'emissione, la sostanza del suono che nasce da quello sguardo profondo che si sublima in un'atmosfera fuori dal tempo e dallo spazio, universo immateriale in cui ogni spettatore riesce ad appropriarsi della propria “umanità”, talmente tanto da gioirne con ogni singola cellula.

Marco animale da palcoscenico, Marco pop-star.

Poi, dopo un silenzio durato mesi, ecco che bisogna fare i conti con la realtà. Marco è un magnifico ragazzo di 23 anni che cresce. In più, che cresce nella musica. Quindi sì, Marco è timido ed egocentrico, impacciato e vanitoso, esattamente come è la musica, capace di strapparti un sorriso anche con la voce melanconica di un violoncello. Che ti può sembrare diversa sempre, perché quella voce non solo sarà suonata in modo diverso, ma sarà ascoltata in modo diverso, perchè diverso ogni istante è il colore del cuore di chi l'ascolta.

Ma c'è un aggettivo che abbiamo dato a Marco fin dalla prima volta che lo abbiamo sentito: onesto. Lui è onestamente timido, onestamente egocentrico, onestamente impacciato e onestamente vanitoso. Lui è trasparente. E con consapevolezza. Perché non è da tutti ammettere “La paura non ti fa agire come vuoi e io, per non rischiare di cadere, ho buttato dentro al calderone tutto quello che avevo”. 
Non è da star avere paura: è da esseri umani. E gli esseri umani o sono musica o in quell'ambiente sono solo dei bluff destinati a durare poco. 
 
Il dubbio dura pochissimo, solo qualche secondo. A proposito del suo impegno nella regia del prossimo tour, ecco che dice: “Sono molto attento a questi elementi perché concorrono alla descrizione di me stesso che deve emergere nei live. Non interessarmene significherebbe farmi raccontare da chi mi vede dall’esterno e potrebbe venirne fuori un’interpretazione, piuttosto che una reale rappresentazione di come sono io”. 

Marco non si vuole rappresentare. Marco vuole essere. Vuole essere quello che sente, tutto quello che sente, e “per descrivere al meglio la complessità del reale si deve ricorrere a contaminazioni diverse. I live di aprile si muovono nella direzione del western e della Motown, con destinazione New Orleans. Tutto è stato ripensato secondo questo stile, diminuendo la spettacolarità per dare maggior risalto ai contenuti e alla musica”. 
Perchè Marco - timido ed egocentrico, impacciato e vanitoso – è onestamente musica.

In questo tour spero di fare un po’ meno, ma di dare molto di più”, dice con semplicità. Ma non c'è alcuna semplicità dietro un'affermazione del genere. C'è una solida consapevolezza di ciò che è stato fatto, di quello che gli è piaciuto e di quello che non gli è piaciuto. Consapevolezza che paga il conto alla giovane età e alla poca esperienza con il sopraggiunto timore “forse nascondo semplicemente una grande banalità di fondo, che ha bisogno di essere celata da un mistero o da una leggera nebbiolina”.

Solo i più consapevoli di sé hanno chiara anche la consapevolezza dei propri limiti e il giusto timore di essi. Ma è l'onesta ammissione di averli che li trasforma in Bellezza. Una bellezza che trascende le umane cose e si trasforma in musica.

3 commenti:

  1. Marco semplicemente E'....in un Mondo, il nostro, ma soprattutto il suo, in cui le persone non sono, ma vogliono apparire. per questo e per molto altro per me volergli bene e apprezzare la sua arte e la sua umanità è come respirare, e cioè naturale e vitale

    RispondiElimina
  2. Il tuo commento è -onestamente- bellissimo! Francesca DB

    RispondiElimina
  3. Tiziana hai ragione!

    RispondiElimina

Commenta qui....